Benvenuto su circolo Laboratorio Sociale Ancona - portale della sinistra anconetana
Cerca


Pagine
· Home
· Agenda
· Archivio
· Contattaci
· Counter visite
· Web Links

In linea ora
In questo momento ci sono, 19 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

 
Warning: setlocale() [function.setlocale]: Passing locale category name as string is deprecated. Use the LC_* -constants instead in D:\inetpub\webs\laboratoriosocialeorg\mainfile.php on line 567
documenti e progetti locali ANCONA News: MARTEDI' 10 FEBBRAIO in piazza per difendere la Costituzione
Postato da webmaster in (4252 letture)

Sit-in martedì prossimo, ore 18, a piazza Roma contro le dichiarazioni anti-costituzionali di Berlusconi

COMUNICATO STAMPA

Oggetto: In piazza per difendere i diritti civili e la Costituzione, contro gli atti e le preoccupanti minacce del Presidente del Consiglio sul caso Englaro. Sit-in dei cittadini per la difesa dei diritti civili e della Costituzione. Ritrovo: martedì 10 febbraio, ore 18, piazza Roma (Ancona).

Martedì 10 febbraio, ore 18, la cittadinanza è chiamata a manifestare a piazza Roma (Ancona), per difendere i diritti civili e la Costituzione, contro le minacce e gli atti intrapresi dal Presidente del Consiglio sul caso Englaro.
I giornali stranieri già parlano di “piccolo colpo di stato” (El Paìs), mentre i quotidiani nazionali si interrogano sulle gravi conseguenze dello strappo istituzionale operato ieri sera, venerdì 6 febbraio, dal Presidente del Consiglio dei Ministri Berlusconi.
Questi, come noto, pretendeva di impedire l'esecuzione della decisione della Corte di Cassazione sul caso Englaro, con un apposito Decreto Legge, che il Presidente della Repubblica Napolitano si è rifiutato di firmare, perché incostituzionale.
Per tutta risposta, di fronte al legittimo rifiuto del Presidente della Repubblica, supremo garante della Costituzione, il Presidente Berlusconi ha dichiarato di voler cambiare la Costituzione stessa, evocando, per altro, un fantomatico ricorso al popolo, metodo questo completemente estraneo all'iter costituzionale previsto.


(Leggi Tutto... | 3970 bytes aggiuntivi | Voto: 0)


Warning: setlocale() [function.setlocale]: Passing locale category name as string is deprecated. Use the LC_* -constants instead in D:\inetpub\webs\laboratoriosocialeorg\mainfile.php on line 567
documenti e progetti locali ANCONA News: Per difendere il nostro territorio
Postato da webmaster in (894 letture)

Presentato ad Ancona in una conferenza stampa il Cantiere “AltreMarche”. Associazioni, comitati, imprenditori agricoli e cittadini, si sono messi in rete per salvare il nostro patrimonio naturale e proporre un’alternativa che è già sotto i nostri occhi.

Ci sono comitati locali, gruppi ambientalisti, imprenditori agricoli, singoli cittadini e anche qualche amministratore. Hanno deciso di mettersi insieme per difendere il territorio dai numerosi progetti distruttivi e, soprattutto, dimostrare che nella regione ci sono esempi di un modello sociale ed economico diverso, virtuoso, basato sulla qualità e non sul dogma della crescita e del Pil.

E’ questo il progetto del Cantiere “AltreMarche” (www.altremarche.it) che è stato presentato oggi (ieri per chi legge ndr) ad Ancona presso la Casa delle Culture.

“E’ un‘aggregazione – ha sottolineato Carlo Brunelli architetto, ambientalista doc e uno dei rappresentanti più autorevoli dei comitati falconaresi – che si basa sui contenuti non sulle appartenenze. Non ci interessa cosa votano i cittadini, ma se sono in sintonia rispetto alle nostre proposte”.

E queste proposte sono state elaborate in un “Carta dei diritti del territorio” che è alla base dell’impegno del Cantiere. La Carta è stata presentata a partire da marzo in diverse località delle Marche: Fabriano, Offida, Monterubbiano, Fano, Cagli, Falconara, Monte San Vito.

“Le assemblee – sottolinea Sergio Sinigaglia tra i promotori del Cantiere – hanno visto ovunque una grande partecipazione e un interesse per un documento che va al cuore dei problemi”.

Presupposto del cantiere è la crisi del modello marchigiano, ormai sotto gli occhi di tutti.

“Da questo terremoto – sostengono i cantieristi – se ne può uscire in due modi: ostinandosi a riproporre un modello insostenibile dal punti di vista ambientale (e sociale) oppure puntando su un’economia virtuosa, basata sulla qualità e non sulla quantità”.

La Carta dei diritti del territorio è il presupposto per favorire la seconda opzione.

“Il territorio – ha dichiarato Brunelli - è ormai visto come un mucca da mungere. Da decenni è ormai aggredito con politiche


(Leggi Tutto... | 5166 bytes aggiuntivi | Voto: 0)


Warning: setlocale() [function.setlocale]: Passing locale category name as string is deprecated. Use the LC_* -constants instead in D:\inetpub\webs\laboratoriosocialeorg\mainfile.php on line 567
documenti e progetti locali ANCONA News: MAI PIU’ DA SOLA
Postato da webmaster in (1024 letture)

Comitato “MAI PIU’ DA SOLA”


Si è costituito in Ancona il 28/02/2008 il Comitato “Mai più da sola” per la difesa della legge 194 . Quello che ci unisce è la consapevolezza che sia in atto un rinnovato attacco alla dignità e all'autodeterminazione della donna, proprio in un momento difficile e doloroso della sua vita. Ribadiamo che una donna che si trova a decidere se interrompere la sua gravidanza ha diritto, come riconosciuto dalla legge, di essere rispettata, ascoltata, sostenuta ed eventualmente assistita, certamente di non essere colpevolizzata né invasa nella sua sfera personale e privatissima.

Vogliamo chiedere conto dell'applicazione della L.194 nel nostro territorio.
è E' vero che, per le troppe obiezioni di coscienza del personale sanitario permesse dalla legge stessa, troppo pochi sono i presidi sanitari dove l'IVG è praticata, e troppo lunghi sono i tempi di attesa, costringendo le donne a penose odissee in giro per la regione, ad aborti effettuati allo scadere del tempo limite, o addirittura alla richiesta di aborto terapeutico perché i termini sono scaduti?
è E' vero che i consultori, oberati da mille incombenze e con organici cronicamente insufficienti, non riescono a garantire alle donne che chiedono l'IVG l'assistenza e l'ascolto, né a svolgere la funzione di coordinamento che la legge prevede?
è E' vero che siamo la 3° regione in Italia per numero di obiettori (più dell' 80%, su una media nazionale del 60%), e che i non obiettori sono penalizzati nella loro valorizzazione professionale, nei turni, nei carichi di lavoro, rispetto agli obiettori?
è E' vero che ci sono medici e altri professionisti della sanità (ostetriche, infermieri) non obiettori che sono impossibilitati ad applicare la legge, nei presidi pubblici della nostra zona?
è Gli studenti dei Corsi di Laurea nelle professioni sanitarie sono formati, nella nostra Università, in modo adeguato per applicare la legge?

Le prime azioni che riteniamo necessarie sono:
ü acquisizione e analisi dei dati quantitativi;
ü richiesta alle Direzioni generali degli ospedali, dell'ASUR e della Zona 7 degli elenchi nominativi degli obiettori e relativa pubblicizzazione;
ü lettera aperta ai giornali.

Su questo intendiamo mobilitarci, chiedere adesioni e informare la cittadinanza.


(commenti? | Voto: 0)


Warning: setlocale() [function.setlocale]: Passing locale category name as string is deprecated. Use the LC_* -constants instead in D:\inetpub\webs\laboratoriosocialeorg\mainfile.php on line 567
documenti e progetti locali ANCONA News: C'era una volta il modello marchigiano
Postato da webmaster in (1221 letture)

Proposta per un Cantiere che costruisca un Modello Marchigiano Alternativo

I saperi per un modello alternativo
Pensiamo che in questa regione sia necessaria una riflessione e una discussione critica sul modello economico e sociale che contraddistingue il nostro territorio.
Anche nelle Marche, in questi anni, settori della società civile, più o meno organizzati, hanno posto il problema di avviare sperimentazione di alternative concrete al modello e al sistema che hanno caratterizzato la nostra regione negli ultimi decenni.
Hanno avviato percorsi teorici e concreti per una economia più solidale che abbia al centro i diritti delle persone, il rispetto dell’ambiente e un ruolo importante per la pace in questa area geografica.
Ognuno si è mosso a partire dalla propria esperienza, dalle proprie competenze, dalle proprie esigenze per costruire percorsi come quelli del Tavolo dell’economia solidale, della campagna per l’acqua pubblica, delle mobilitazioni in difesa del territorio e dei diritti di cittadinanza; sono l’esperienza di intellettualità che si sono poste domande ed hanno camminato a fianco di questi movimenti; sono l’esperienza di chi si è fatto promotore attraverso la cooperazione e il volontariato della costruzione di un welfare comunitario.
Non è nostra intenzione tentare di ridurre tutta questa ricchezza in un unico spazio e nemmeno provare a coordinarla.
Tuttavia riteniamo che mettendo in comune le diverse esperienze ed i diversi punti di vista, questa pluralità di soggetti possano avere la forza di proporre un modello economico e sociale complessivo alternativo a quello attuale che è già riscontrabile in alcune pratiche virtuose di alcune amministrazioni locali e alcune soggettività sociali ed economiche.
Per certi versi ci richiamiamo anche all’esperienza della Campagna nazionale Sbilanciamoci (www.sbilanciamoci.org) che parte dal presupposto che è necessario cambiare radicalmente la prospettiva delle politiche pubbliche rovesciando le priorità economiche e sociali, per rimettere al centro i diritti delle persone, di un mondo più solidale e la salvaguardia dell’ambiente anziché le esigenze dell’economia di mercato fondata su privilegi, sprechi, disuguaglianze.
Ad essa aderiscono organizzazioni di livello nazionale e locale.
Sbilanciamoci promuove ogni ottobre una proposta di finanziaria alternativa, seminari di approfondimento e un rapporto sui diritti sociali, sull’ambiente e sulle politiche pubbliche.


(Leggi Tutto... | 7238 bytes aggiuntivi | Voto: 0)


Warning: setlocale() [function.setlocale]: Passing locale category name as string is deprecated. Use the LC_* -constants instead in D:\inetpub\webs\laboratoriosocialeorg\mainfile.php on line 567
documenti e progetti locali ANCONA News: PRESENTAZIONE FORUM ANCONETANO PER L'UNITA' DELLA SINISTRA ITALIANA
Postato da webmaster in (1353 letture)

Siamo donne uomini giovani e ed anziani, lavoratori, studenti e pensionati che vogliono operare per unire la sinistra italiana poiché le vicende politiche e sociali degli ultimi tempi a livello internazionale,nazionale e locale hanno registrato la necessità della nascita di una forte componente di SINISTRA nel nostro paese e nelle nostre realtà locali.

La frammentazione in piccoli partiti e movimenti ha ed avrà sempre più come unico risultato quello di ghettizzare ed eliminare ogni carica propulsiva e riformatrice alla Sinistra in Italia, fatta di uomini ed idee che hanno, in modo decisivo, contribuito allo sviluppo socio-economico del paese.

Idee e politiche che ora rischiano di scomparire a causa delle frammentazioni e personalismi che dividono parte delle cosiddette "classi Dirigenti", ma non il "popolo della Sinistra" che invece chiede a gran voce UNITA' POLITICA intesa a cambiare l'Italia anche attraverso una seria ed incisiva azione di governo nelle istituzioni.

Si sente alta e chiara la voce di un dissenso a cui dobbiamo tutti dare una risposta per evitare che il malumore dei cittadini si trasformi in aperto rifiuto della pratica politica democratica.

Noi sentiamo come dovere innanzitutto quello di riportare la pratica della politica su binari etici e morali che non diano più spunto a facili strumentalizzazioni demagogiche.

La politica come servizio per la collettività deve essere il primo dei nostri imperativi.

Per questo costituiamo il FORUM ANCONETANO PER L'UNITA' DELLA SINISTRA ITALIANA che vuole essere un terreno dove verrà esaltato tutto ciò che ci unisce, e dove ciò che ci divide sarà uno spunto di confronto e arricchimento e non di scontro.

La sola finalità del Forum è la creazione del MANIFESTO DELLA SINISTRA che indichi i VALORI FONDAMENTALI che singoli,partiti,associazioni e movimenti dovranno perseguire nello svolgimento delle loro attività istituzionali e non.

Crediamo che per poter raggiungere questo ambizioso risultato sia necessario affrontare con metodo serio, semplice e aperto tutti i temi che si solleveranno durante i dibattiti al fine di rendere la partecipazione al Forum il più aperta possibile.

A tale fine il FORUM PER L'UNITA' DELLA SINISTRA invita tutti coloro che chiedono a gran voce una forte presenza della Sinistra nel panorama politico a partecipare al dibattito su tutte quelle tematiche su cui una Sinistra Unita deve e dovrà confrontarsi come: Lavoro e sviluppo; Tutela dell'Ambiente; Sicurezza; Immigrazione; Pace e Politica Estera; Scuola e Cultura, ecc….

Il nostro vuole essere un percorso INDIPENDENTE a quello seguito dai partiti che dovranno vedere il FORUM , al quale sono invitati a partecipare, come terreno neutro di dibattito e al tempo stesso motore propulsivo al processo unitario, così da poter avere la possibilità di confrontarsi direttamente con quella parte della società che aspirano a rappresentare responsabilmente.


(Leggi Tutto... | 5647 bytes aggiuntivi | Voto: 0)

 
Tematiche
· Tutte le Categorie
· ANCONA News
· Globalizzazione
· Pace e Nonviolenza

Festa dei Popoli
Festa per la Libertà dei Popoli

Foto della Festa 2005

FESTA 2006 - Programma

FESTA 2006 - Manifesto

Foto della Festa 2006

FESTA 2007 - Manifesto

Foto della Festa 2007

FESTA 2008 - Manifesto

Foto della Festa 2008


Casa delle Culture

Accordo di collaborazione

Statuto della Associazione Casa delle Culture

Elenco delle associazioni della Casa delle Culture

CALENDARIO Casa Culture
CALENDARIO delle iniziative su Google



Laboratorio Sociale - via Cialdini, 10 - ANCONA
Web site engine's code is Copyright © 2002 by phpnuke.orgPHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the www.gnu.orgGNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.211 Secondi